1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

I SALUTI

  • Tempo Ordinario Domenica 26B

    I - Marco 9,38-45 1. Gesù ha dichiarato che chi accoglie un bambino nel suo nome, per l’amore  che ha per Gesù e perché vede in lui Gesù, accoglie Gesù e il Padre (Mc 9,36-37). (a) Giovanni, l’apostolo, sentendo l'espressione “il nome” di Gesù si ricorda che lui e qualche altro hanno cercato di far smettere un esorcista, un non discepolo di Gesù, che scacciava i demoni servendosi del nome di Gesù, cioè invocando il suo nome, il suo potere, o invocando Dio per i meriti e il potere di Cristo (38 Giovanni gli disse: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva»). Ma Gesù dice loro di lasciarlo fare (39 Ma Gesù disse: Non glielo impedite); in effetti egli dimostra di avere rispetto e fiducia nella persona e autorità e potere di Gesù, tanto da operare un miracolo, servendosi del nome di Gesù: egli non potrebbe subito dopo parlare male di Gesù (39 perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me); chi non è contro Gesù è da ritenere schierato in qualche modo con Gesù e per Gesù e con i suoi (40 chi non è contro di noi è per noi). (b) Gesù aggiunge che chi dà a un suo discepolo anche solo un bicchiere d’acqua per amore di Gesù, ha certamente una ricompensa da Dio - o da Gesù - (41Chiunque infatti vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa). Invocare il nome di Gesù significa aver fiducia in lui; quindi è già iniziare a credere in Gesù, ed è indice che uno sta iniziando un cammino verso Gesù e con Gesù; d'altra parte i discepoli di Gesù sono così preziosi agli occhi di Dio e di Gesù che far loro un minimo gesto di attenzione nel nome di Gesù è fare cosa graditissima a Dio. Riflettiamo su questo e cerchiamo di alimentare la nostra fiducia nei meriti infiniti di Gesù presso il Padre e consideriamo l'importanza di fare per amore di Gesù anche le più piccola azioni – delle quali è intessuta la nostra vita quotidiana -. Niente è piccolo se è fatto per il Signore e un grande amore.

    2. (a) Gesù parla dello scandalo, che è spingere al male con parole o azioni, e quindi allontanare dal bene e dal Cristo chi è già unito a lui ed è in lui; Egli dice che sarebbe meglio per lo scandalizzatore essere gettato in mare con una grossa pietra al collo (42 Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare); Gesù usa parole fortissime per far capire la gravità di questo peccato. Questo tipo di pena di morte era stata introdotta dai Romani in Palestina ed era considerato molto infamante, anche perché privava della sepoltura. Chi scandalizza priva della vita eterna lo scandalizzato, lo mette a rischio della dannazione. (b) Ma lo scandalo, la spinta al peccato, oltre a venire dall’esterno, può sorgere da noi stessi, dal nostro corpo; se una parte, anche molto preziosa del corpo, come la mano (43 Se la tua mano ti è motivo di scandalo), che serve per agire e lavorare, o come il piede (45 E se il tuo piede ti è motivo di scandalo), che serve per camminare, o come l'occhio (47 E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo), che serve per vedere, ci orienta verso il male, conviene tagliarli (43 tagliala; 45 taglialo) o strapparlo via (47 gettalo via), perché è meglio entrare nella vera vita (43 è meglio per te entrare nella vita; 45 è meglio per te entrare nella vita), cioè nel Regno di Dio, nel paradiso (47 è meglio per te entrare nel regno di Dio), con una mano sola (43) ocon un piede solo (45) o con un occhio solo (47), piuttosto che finire per l’eternità con le due mani (41 anziché con le due mani) o con i due piedi (43 anziché con i due piedi) o con i due occhi (47 anziché con due occhi) nell'inferno (43 andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile; 45 essere gettato nella Geènna; 47 essere gettato nella Geènna) nel fuoco eterno (43), dove si resterà per sempre, perché lì il verme della corruzione non muore e il fuoco non finisce mai (48 dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue), e quindi si soffre per sempre. Gesù ci vuole richiamare all'importanza assoluta che deve avere per noi la salvezza eterna - e quindi l'unione con lui, che solo Lui ci può dare; anche una parte importante del corpo o l'integrità del nostro corpo diventa secondaria rispetto alla salvezza eterna: dobbiamo adeguarci al modo di pensare di Gesù. Chiediamo perdono perché non sempre abbiamo ragionato così e soprattutto per gli scandali dati, in modo più o meno cosciente o incosciente (pensiamo a quando davanti ai bambini si bestemmia o si dicono volgarità o parole oscene o si fanno qualsiasi tipo di cattive azioni; riflettiamo un poco a quanto male fanno ai giovanissimi e giovani il materiale osceno, proposto dalle televisioni e varie mezzi di comunicazione) e perché abbiamo dimostrato di non aver saputo apprezzare le sofferenze di Cristo per la nostra salvezza è quella degli altri.

    II - Numeri 11,25-29 1. Mosè aveva esposto a Dio la sua difficoltà di governare da solo un popolo così numeroso e Dio gli promise di dargli come collaboratori 70 anziani - scelti da Dio o da Mosè o perché erano i personaggi più rappresentativi del varie tribù –; Mosè li radunò e li fece disporre attorno alla Tenda Sacra. Il Signore intervenne dalla nube, parlò con Mosè e poi prese un po' dello Spirito che era su Mosè per effonderlo su ciascuno dei 70 anziani (25 Allora il Signore scese nella nube e gli parlò: tolse parte dello spirito che era su di lui e lo pose sopra i settanta uomini anziani); appena lo Spirito si posò su di loro, cominciarono a parlare come profeti, ma poi smisero (25 quando lo spirito si fu posato su di loro, quelli profetizzarono, ma non lo fecero più in seguito). Ma presenti erano solo 68, perché due di nome Eldad e Medad, nonostante erano scritti nella lista dei 70 convocati, non si presentarono alla Tenda e restarono nell'accampamento (26 Ma erano rimasti due uomini nell’accampamento, uno chiamato Eldad e l’altro Medad; … erano fra gli iscritti, ma non erano usciti per andare alla tenda); anche essi ricevettero lo Spirito e profetarono dove si trovavano (26 E lo spirito si posò su di loro… Si misero a profetizzare nell’accampamento). La cosa fu riferita a Mosè da un ragazzo (27 Un giovane corse ad annunciarlo a Mosè e disse: «Eldad e Medad profetizzano nell’accampamento»); questo suscitò la preoccupazione (o la gelosia; cfr 29) di Giosuè, aiutante di Mosè da adolescente, che insisteva con lui perché li facesse smettere (28 Giosuè, figlio di Nun, servitore di Mosè fin dalla sua adolescenza, prese la parola e disse: «Mosè, mio signore, impediscili!»). Mosè si rifiutò, esprimendo il desiderio che Dio arricchisse anche il resto del Popolo del dono dello Spirito e della profezia (29 Ma Mosè gli disse: «Sei tu geloso per me? Fossero tutti profeti nel popolo del Signore e volesse il Signore porre su di loro il suo spirito!») e che non valeva la pena essere geloso dei doni di Dio (29). In effetti i doni di Dio arricchiscono il popolo senza rendere povero né Dio né coloro che già li hanno da tempi precedenti. (a)Nessuno, capo o non capo, del Popolo di Dio o della Chiesa può pensare di monopolizzare il pensiero di Dio: tutti nel battesimo e nella cresima abbiamo ricevuto lo Spirito e doni personali da Dio, i quali sono per il servizio del Popolo di Dio, oltre che per la maturazione personale. Se questi doni di Dio sono scoperti e lasciati esercitare secondo le leggi della Chiesa, se ne avrà un grande vantaggio nella Chiesa; in effetti, invece di essere solo uno o pochi a lavorare per il Regno di Dio, saranno un miliardo e 250 milioni, quanti sono i cristiani nel mondo, e non vi sar ebbero fedeli addormentati o pensionati o pigri. Occorre saper discernere questi doni e valorizzarli. (b) I capi non devono essere gelosi dei doni di Dio, perché Dio non si impoverisce comunicando i suoi doni e neanche diventa più povero il capo o perde di autorità, anzi diventa migliore il suo servizio per la collaborazione di tanti; occorre però avere la mitezza e la sapienza di Mosè e aprirsi al dono dello Spirito come lui. Chiediamo queste grazie per i responsabili nella Chiesa: Papa, Vescovi, Preti Diaconi.

    III - Giacomo 5,1-6. Giacomo si rivolge ai ricchi (1 E ora a voi, ricchi), che vivono nel lusso, sazi di piaceri (5 Sulla terra avete vissuto in mezzo a piaceri e delizie), e li invita a prepararsi col pianto e le urla alle disgrazie, che pendono su loro come la spada di Damocle (1 piangete e gridate per le sciagure che cadranno su di voi!). Le ricchezze, nelle quali mettono la loro sicurezza, vanno in  malora (2 Le vostre ricchezze sono marce) e le loro vesti preziose sono divorate da tarme (3 i vostri vestiti sono mangiati dalle tarme); l’oro e l'argento in loro possesso perdono splendore e valore a causa della ruggine, la quale sarà una prova contro di loro e li divorerà come un fuoco (3 Il vostro oro e il vostro argento sono consumati dalla ruggine, la loro ruggine si alzerà ad accusarvi e divorerà le vostre carni come un fuoco). In questi giorni, che precedono il giudizio di Dio (almeno quello particolare); essi hanno pensato ad accumulare tesori (4 Avete accumulato tesori per gli ultimi giorni!), invece che meriti d'opere buone presso Dio. Le ricchezze dei ricchi proprietari vengono dai loro peccati, perché hanno derubato lavoratori e mietitori di quanto loro dovuto: il salario dei lavoratori e dei mietitori, che non sono stati pagati, hanno fatto arrivare le loro grida e proteste alle orecchie di Dio onnipotente (4 Ecco, il salario dei lavoratori che hanno mietuto sulle vostre terre, e che voi non avete pagato, grida, e le proteste dei mietitori sono giunte agli orecchi del Signore onnipotente). I ricchi così si sono ingrassati come si fa con le bestie da macellare (5 e vi siete ingrassati per il giorno della strage). L'altro peccato degli ingiusti ricchi è la condanna e l'uccisione dei poveri giusti, che non sono in condizioni di difendersi (6 Avete condannato e ucciso il giusto ed egli non vi ha opposto resistenza). Giacomo fa minacce ai ricchi (a) per aiutarli a prendere coscienza della vanità delle ricchezze e del danno che ne viene, quando il cuore vi è attaccato e (b) per ricordare loro l'origine infame delle loro ricchezze, che provengono da ingiustizie e cattiverie. Quando uno diventa rapidamente ricco, vuol dire che o c'è disonestà nell'acquisto -  pensiamo alle cose orribili e schifose come l’usura o sfruttamento dei poveri, dei lavoratori - o ci sono leggi sbagliate che non tutelano il bene comune o l’interesse di tutti – pensiamo a Bill Gates di Microsoft e a Mark Zuckerberg di Facebook. Le ricchezze non entrano nell’altro mondo ma restano qui in questo mondo: se sono disoneste o sono usate male, precipitano nell'inferno il possessore. Chiediamo la grazia di usare bene i beni di questo mondo, con cuore distaccato e per l’aiuto dei bisognosi.

    EUCARISTIA. Qui Gesù pratica la massima carità verso di noi, e noi, che ci nutriamo di Lui dopo aver ascoltato e aderito alla sua Parola, non viviamo in modo coerente con la nostra unione con Gesù. Uno sei peccati più gravi contro la carità è proprio lo scandalo. Sentiamone orrore e interveniamo per difendere i deboli, come fece Gesù e hanno fatto i santi. Chiediamo per intercessione della Vergine e di S. Giuseppe, degli Angeli Custodi e dei Santi Patroni, che vengano in nostro soccorso per aiutarci a liberarci di quello orribile peccato. (mons. Francesco Spaduzzi)

    RispondiInoltra
  • Vi aspetto domenica Domenica ci sarà la celebrazione della santa messa presso... vi aspetto tutti.
  • Tutti i santi (1° novembre)

    I - Matteo 5, 1-12 1. Gesù vede la folla che lo segue e la porta con sé su un monte, come Mosè fece avvicinare gli Ebrei al monte Sinai, e, sedutosi, come solitamente facevano i maestri ebrei, accoglie i discepoli, che gli si avvicinano (1 Vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli). Gesù Maestro rivolge loro la Parola e insegna i punti fondamentali del programma di vita del discepolo autentico (2 Si mise a parlare e insegnava loro dicendo). Non dice: Fate questo e sarete beati;  proclama direttamente Beati quelli che operano in un certo modo. Possiamo dividere le Beatitudini in due gruppi: quattro che si riferiscono alla pratica dell’amore verso Dio, che porta sempre anche alla santità personale e la alimentano, e quattro che riguardano l’amore verso il prossimo. (a) Riguardano atteggiamenti personali, che rivelano l’amore verso Dio, la prima, con la quale Gesù proclama Beati quelli che hanno il cuore distaccato dai beni di questo mondo (3 Beati i poveri in spirito), cioè la povertà spirituale, lodata e richiamata tante volte da Gesù, che la spinge in sé e nei discepoli fino alla povertà reale e assoluta (virtù indispensabile per mettere al centro della propria vita Dio, e non una creatura); con la seconda dichiara Beati quelli che sono nel pianto, cioè gli afflitti per i peccati, che si commettono contro Dio e il prossimo e che comunque offendono sempre Dio, e per le sofferenze personali e degli altri (4 Beati quelli che sono nel pianto); con la sesta sono detti Beati i puri di cuore (8), che hanno intenzioni rette, sono persone semplici, vedono tutto nella luce di Dio; e, infine con la ottava sono annunciati Beati i perseguitati perché fanno il giusto, il bene, ciò che è voluto da Dio (10 Beati i perseguitati per la giustizia), e in particolare saranno Beati i discepoli, quando saranno perseguitati perché accusati falsamente e per odio verso Gesù (11 Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia). (b) Nelle altre Beatitudini Gesù proclama Beati quelli che si comportano verso il prossimo con mitezza e dolcezza – la terza -  (5 Beati i miti), con giustizia, dando a ognuno il suo, secondo la volontà di Dio – la quarta - (6 Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia), con misericordia – la quinta - (7 Beati i misericordiosi), e nutrono sentimenti di pace e mettono pace fra gli uomini – la settima - (9 Beati gli operatori di pace).

    2. Sia quelli che cercano la perfezione personale, mettendo Dio al centro della propria vita, sia quelli che fanno attenzione ai bisogni del prossimo, avranno il regno di Dio (3 perché di essi è il regno dei cieli; 10 perché di essi è il regno dei cieli), la consolazione (4 perché saranno consolati), la Terra promessa, cioè il paradiso (5 perché avranno in eredità la terra), l’esaudimento delle loro preghiere e desideri di giustizia (6 perché saranno saziati), la misericordia di Dio (7 perché troveranno misericordia), saranno ammessi alla visione di Dio (8 perché vedranno Dio) – o già da ora fanno esperienza della presenza di Dio -, sono e saranno figli da Dio (9 perché saranno chiamati figli di Dio), e tutto questo costituirà la grande ricompensa che Dio darà loro (12 Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli). Ogni discepolo deve praticare tutte le Beatitudini per avere l’unico premio eterno, che abbraccia tutti questi aspetti. Il Papa ce le ha richiamate spesso, raccomandandoci di tenerle sotto gli occhi come i comandamenti. Crediamo alla Parola di Gesù e aspettiamoci la ricompensa da lui per il bene che facciamo; dagli uomini aspettiamoci niente, perché il bene lo dobbiamo fare per amor di Dio e per amor del prossimo, ma con l’occhio fisso al premio che viene da Dio. Esaminiamoci, pentiamoci, chiediamo perdono, correggiamoci.

    II - Apocalisse 7,2-4.9-14 1. (a) Giovanni ha una visione - o più di una -, di persone che già stanno in paradiso (9-14) o ci andranno (2-4), dei salvati nella speranza, e quindi santi; anzitutto egli vede sulla terra un gruppo di protetti in modo speciale da Dio, si tratta di 144.000 ebrei di tutte le tribù di Israele (4 E udii il numero di coloro che furono segnati con il sigillo: centoquarantaquattromila segnati, provenienti da ogni tribù dei figli d’Israele). Un angelo, proveniente dall'Oriente, da dove sorge il sole - la luce che rappresenta Dio - ha in mano il sigillo del vero Dio e grida a quattro angeli, incaricati di devastare tutto (2 E vidi salire dall’oriente un altro angelo, con il sigillo del Dio vivente. E gridò a gran voce ai quattro angeli, ai quali era stato concesso di devastare la terra e il mare), di non fare niente finché i servi ed eletti di Dio non verranno segnati col sigillo (3 Non devastate la terra né il mare né le piante, finché non avremo impresso il sigillo sulla fronte dei servi del nostro Dio). Gli ebrei sono protetti da Dio in un modo speciale da sempre nell'Antico Testamento e lo saranno nel futuro, perché sempre sono il popolo eletto, nonostante le loro infedeltà. Il loro numero è grandissimo e non numerabile, perché la cifra data è fortemente simbolica, in quanto è il risultato di 12 al quadrato, moltiplicato per 1000, che indica gran numero. (b)Nella seconda visione Giovanni vede un’incalcolabile moltitudine di persone di tutte le nazioni: esse stanno in cielo, in piedi, di fronte al trono di Dio e a Gesù, l’Agnello di Dio, vestiti di bianco, che è il segno dell'eternità e dell’appartenenza alla sfera di Dio, con le palme in mano in segno di vittoria (9 Dopo queste cose vidi: ecco, una moltitudine immensa, che nessuno poteva contare, di ogni nazione, tribù, popolo e lingua. Tutti stavano in piedi davanti al trono e davanti all’Agnello, avvolti in vesti candide, e tenevano rami di palma nelle loro mani); essi dichiarano che la salvezza appartiene solo a Dio, che siede sul trono, e a Gesù, Agnello immolato, e solo da Loro viene agli uomini (10 E gridavano a gran voce: «La salvezza appartiene al nostro Dio, seduto sul trono, e all’Agnello»).

    2. Uno degli anziani, che stanno vicino al trono di Dio, chiede a Giovanni se sa chi sono questi del secondo gruppo e da dove vengono (13 Uno degli anziani allora si rivolse a me e disse: «Questi, che sono vestiti di bianco, chi sono e da dove vengono?»); Giovanni risponde che non lo sa e fa capire che vorrebbe saperlo dall'anziano, e questi gli risponde che si tratta di coloro che provengono dalla grande persecuzione, che avviene sulla terra - si tratta di perseguitati per la fede in senso stretto o di quelli che soffrono per la lotta contro il diavolo, il mondo, la carne? - e che sono stati salvati grazie alla Passione e Morte di Cristo, grazie al suo Sangue di Agnello immolato (14 Gli risposi: «Signore mio, tu lo sai». E lui: Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione e che hanno lavato le loro vesti, rendendole candide nel sangue dell’Agnello); i frutti della redenzione si ricevono col battesimo ed eucaristia e gli altri sacramenti. Sempre in cielo al primo coro dei salvati fanno eco come secondo coro gli Angeli, che stanno in piedi attorno al trono di Dio e ai 24 Anziani (i 12 patriarchi e i 12 Apostoli) e ai quattro Esseri Viventi: gli Angeli si inginocchiano di fronte a Dio in trono, lo adorano e proclamano (11 E tutti gli angeli stavano attorno al trono e agli anziani e ai quattro esseri viventi, e si inchinarono con la faccia a terra davanti al trono e adorarono Dio dicendo) che a Dio appartiene la lode, la gloria, la sapienza, la riconoscenza, il potere e la forza, per sempre (12 Amen! Lode, gloria, sapienza, azione di grazie, onore, potenza e forza al nostro Dio nei secoli dei secoli. Amen). La folla dei santi, provenienti dagli Ebrei o dai pagani, sono salvati per i meriti di Gesù e tutti canteranno le lodi di Dio in paradiso per l'eternità. La salvezza viene da Dio per mezzo di Gesù, che con la Passione e Morte ha espiato i nostri peccati e ci ha ottenuto la vita eterna, che si trasmette a noi per mezzo dei sacramenti. Rinnoviamo la nostra fede in Gesù e nei sacramenti, che Egli ha istituiti, e impegniamoci a pregare ogni giorno, perché la preghiera è uno strumento validissimo per unirci a Gesù. I Sacramenti sono sette ma due sono quelli che possiamo e dobbiamo usare con la massima frequenza: la confessione, almeno una volta al mese per quelli che si mantengono in grazia di Dio e più frequente per quelli che purtroppo peccano ancora gravemente, e la comunione ogni domenica e festa, e anche più spesso se possiamo.

    III - Giovanni 3,1-3 San Giovanni ci invita a considerare quanto grande e di che speciale qualità è l'amore di Dio per noi, tanto che siamo chiamati suoi figli e lo siamo veramente (1 Vedete quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente!). Dio ci ama tantissimo, infinitamente, al punto da consegnare il suo Figlio divino alla morte per espiare i nostri peccati e comunicarci la vita divina per mezzo del battesimo: così riceviamo lo Spirito che ci rende figli di Dio e ci fa rivolgere a Dio chiamandolo Padre - Abba (Gal 4,5-6; Rm 8,16-17), come  faceva Gesù (Mc 14,36). Noi siamo figli di Dio sin da ora, in questa fase transitoria della vita (2 Carissimi, noi fin d’ora siamo figli di Dio), ma la nostra fede ci rivela solo molto limitatamente quel che saremo nell'eternità (2 ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato). Sappiamo solo che quando Gesù tornerà la seconda volta in mezzo a noi (2 Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato), noi gli assomiglieremo molto, perché vedremo Lui col Padre e lo Spirito faccia a faccia, nella sua realtà vera (2 noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è), non solo per mezzo della fede, che ci dà solo una conoscenza parziale e una rassomiglianza imperfetta. Di qui l'importanza della meditazione e della contemplazione di Gesù, e della sua vita: in essa si alimenta quel processo di assimilazione a Cristo e alla Trinità, che è iniziata nel battesimo ed è portata avanti con i sacramenti, specie con la confessione ed l’eucaristia grazie alla pratica della fede, speranza e carità. Gli ostacoli alla nostra rassomiglianza con Cristo sono il diavolo, che è il nemico di Dio e nostro, il mondo, che non conosce Cristo e Dio e quindi non sa apprezzare il nostro essere figli di Dio (1 Per questo il mondo non ci conosce: perché non ha conosciuto lui), la carne, cioè le tendenze cattive, che sono in noi, contro le quali dobbiamo lottare, per realizzare la nostra purificazione (3 Chiunque ha questa speranza in lui, purifica se stesso, come egli è puro), per non perdere Dio e rovinare noi. Di qui la necessità di guardare a Gesù, Maria e Giuseppe, e anche ai santi come modelli della nostra purificazione e santificazione.

    EUCARESTIA. Nella messa noi incontriamo Gesù, sorgente di vita eterna, con la sua Parola e soprattutto con il suo Corpo e Sangue, Anima e Divinità. Siamo alla presenza e ci uniamo a quello stesso Gesù, che col Padre e con lo Spirito Santo contempleremo per l’eternità per misericordia di Dio. Preghiamo Maria e Giuseppe, gli Angeli Custodi e i Santi Patroni di sostenerci nel cammino verso il Cielo, dove essi già sono e ci aspettano. (mons. Francesco Spaduzzi)

Un pensiero al giorno

18 febbraio - Santa Geltrude (Gertrude) Comensoli - Titolo: Fondatrice

leggi tutto...

Bastamare Notizie

  • 27/05/2008
    Casa Nossa Senhora do Carmo, c/o Santuàrio de Nossa Senhora de Fatima. Appartado 31 2496-908 Fatima Codex tel. 00351.249539600 oppure 00351.249539601 (chiedere di Mons. Spaduzzi), Fax: 00351.249.539609 (aggiungendo: all attenzione di Mons. Spaduzzi)
    Leggi tutto...
  • 25/05/2008
    Dal 5 al 26 luglio 2008 starò a Fatima al servizio del Santuario per le confessioni in italiano, inglese, francese, portoghese. Vi aspetto tutti.

    Leggi tutto...
  • 25/05/2005
    Il martedì e il mercoledì che precede il primo venerdì del mese sono a disposizione per l'ascolto delle Confessioni nelle Comunità Terapeutiche de La Tenda di Giovi (SA), Saragnano e Mercato S. Severino.

    Leggi tutto...
Password dimenticata?

Inserisci l'indirizzo e-mail associato al tuo account. Ti verrà inviato un codice di verifica. Appena l'avrai ricevuto, sarai in grado di scegliere una nuova password per il tuo account.


*

La sacra Bibbia

versione CEI 2008
SacraBibbia

testi completi in pdf